Home Page » Contenuti Regolatori » Telelettura dei Contatori invia l'articolo ad un amico invia     stampa l'articolo stampa

Telelettura dei Contatori

Nel corso del 2015, l’Azienda Municipale Gas SpA, già Amgas SpA, ora ReteGas Bari, ha avviato alcune  sperimentazioni per individuare  le migliori condizioni possibili per effettuare la telelettura dei contatori del gas a servizio delle famiglie baresi.

I progetti testati, parzialmente finanziati dall’Autorità per l’Energia,  si sono conclusi con successo (uno dei progetti è stato presentato all’European Utlity Week di Vienna nel 2015) e dal 2019 ReteGas Bari ha iniziato ad implementare in via definitiva  la telelettura dei contatori del gas a servizio del mercato domestico.

L’Azienda Municipale Gas SpA è una società pubblica interamente posseduta dal Comune di Bari, cui ogni anno distribuisce gli utili prodotti dalla propria attività. Esercisce il servizio pubblico della distribuzione del gas naturale e rappresenta un importante presidio della sicurezza attraverso il servizio di pronto intervento gas associato alla costante manutenzione dei propri impianti e reti; inoltre, nel pieno rispetto degli standard di qualità commerciale definiti dall’Autorità per l’energia, assicura, ai cittadini baresi che ne facciano richiesta, l’attivazione/disattivazione/riattivazione della fornitura.

La rete del gas cittadina copre ormai quasi tutto il territorio comunale, salvo limitatissime zone per le quali, di volta in volta, su richiesta, si verifica la presenza delle condizioni per lo sviluppo del servizio e si interviene con l’estensione della rete e nuovi allacciamenti.

Ad oggi, sono  125.000  le famiglie baresi che usufruiscono del servizio gestito da ReteGas Bari.

Tra gli obblighi in capo al distributore vi è pure quello della lettura dei contatori che, una volta acquisita, viene verificata, validata ed inviata alle Società di vendita del gas (quelle con le quali i cittadini sottoscrivono il contratto di fornitura) che poi provvedono ad inviare le fatture (la bolletta). Fino a qualche anno fa tale servizio era svolto solo dai letturisti che, periodicamente  (generalmente quattro volte all’anno) si recavano presso le abitazioni per leggere il contatore, dalla cui lettura discendeva il costo del gas consumato, riportato in fattura.  La lettura del contatore non sempre si riusciva a fare (talvolta in casa non si trovava nessuno o, se qualcuno era presente, per motivi di sicurezza diffidava del letturista e non lo faceva entrare); nel tempo, l’Azienda ha migliorato il servizio dotando il personale dei più moderni strumenti di lavoro fino ad acquisire la foto del segnante del contatore ma un po’ per gli errori degli operatori, un po’ per le difficoltà di accesso, numerosi rimanevano  i cittadini cui non si riusciva a leggere il contatore del gas e che ricevevano fatture di acconto.

Ora, con la telelettura, tutto questo viene superato. Ovviamente per far sì che la telelettura funzioni, si è resa necessaria la sostituzione dei precedenti contatori meccanici con i nuovi contatori elettronici, i cd smart meter che però, per trasmettere, hanno bisogno della costruzione di una rete in radio frequenza costituita da una serie di antenne installate, generalmente, sui tetti di alcuni fabbricati.

m

Foto 1

Infatti, i nuovi smart meter sono dotati di una propria batteria che ne consente il funzionamento. Il nuovo contatore elettronico, oltre a misurare il volume dl gas transitato, ha anche un software che organizza ed immagazzina i dati ed un apparato radio che ne consente la trasmissione verso la rete di radio frequenza che ne raccoglie il segnale. Tutto questo, avviene a bassissima potenza e per pochi secondi al giorno. Prova di ciò è che la batteria presente negli smart meter dura 15 anni e che le antenne non hanno bisogno di essere collegate alla rete elettrica per poter funzionare (cfr foto 2).

Foto 2

Al momento ReteGas Bari ha già sostituito 80.000 contatori, dei quali 65.000 trasmettono le telelettura attraverso le antenne installate sui vari tetti dei fabbricati, i cui proprietari hanno autorizzato ReteGas Bari alla posa.

Le antenne sono più piccole delle antenne della tv, non hanno bisogno di alimentazione elettrica perché sono dotate di un piccolo pannello fotovoltaico e di batteria tampone. Hanno solo bisogno di essere montate e, ove necessario, di essere manutenute (generalmente, una volta all’anno).

Le antenne sono state installate sui tetti degli edifici pubblici, sulle scuole e sui tetti dei fabbricati privati (case singole o condomini).  In quest’ultimo caso, l’Azienda Municipale Gas SpA riconosce ai proprietari un importo annuale per la servitù della installazione di 300 € per una durata da convenire.

L’importo può apparire modesto, e probabilmente lo è, soprattutto se confrontato con gli importi offerti da altri operatori, ma ReteGas Bari è una azienda pubblica che appartiene al Comune di Bari (in pratica appartiene ai cittadini baresi) e non vende nulla. Esercisce un servizio pubblico regolato dall’Autorità per l’energia, a favore di chi utilizza il gas naturale garantendo ai cittadini sicurezza e continuità delle erogazioni, precisione nella rilevazione dei dati di consumo

Se alcuni cittadini vogliono contribuire allo sviluppo della propria città mettendo a disposizione il lastrico solare della propria abitazione (singola o condominiale che sia) possono prendere contatti con l’Azienda Municipale Gas SpA compilando il form allegato.

Cliccando sul seguente link Faq Smart Metering Gas è possibile visualizzare e consultare la sezione relativa alle domande frequenti.


Vuoi maggiori informazioni? Compila il modulo...